Post Format

Facebook ADS: sponsorizzare il post di maggior successo

facebook adsA chi gestisce una pagina Facebook sarà capitato di ricevere una notifica di questo tipo:facebook-ads

e sono pronto a scommettere che gli sia venuta in mente la domanda:

“Caro sig Zuckerberg, ma se il post sta ottenendo successo da solo perché devo darle i miei soldi?”

La risposta a questa domanda sta nel funzionamento TECNICO delle Facebook Ads ossia nei meccanismi in base ai quali Facebook decide quale post sponsorizzato mostrare ad una determinata persona e in un determinato momento.

Il funzionamento delle Facebook ADS.

Anche le Facebook ADS si basano su un sistema “interno” di aste: a ciascuna inserzione viene attribuito un punteggio e chi ha il punteggio più alto “vince” venendo così visualizzato sulla timeline dell’utente.

Uno dei fattori che influenza questo punteggio è l’interesse delle persone verso quel post: più è alto e più, a parità di altre condizioni, otterrà un punteggio alto e dunque maggiori saranno le probabilità che quell’inserzione vinca l’“asta” e che venga mostrata sulla bacheca di un utente; magari “battendo” inserzioni con budget ben maggiori.

Sarà quindi molto probabile che un post che sta ottenendo un buon successo in maniera “naturale” (anzi in maniera organica come si dice in gergo), ottenga buoni risultati anche durante l’investimento pubblicitario, aggiudicandosi così un buon punteggio utile per vincere le aste interne con gli altri post sponsorizzati.

Mi è capitato qualche volta di seguire il suggerimento di Facebook investendo nella sponsorizzazione di post di maggior successo: in media si sono rivelati quelli con il rendimento più alto (in media del 20% in più) e/o un costo medio inferiore.

Questo messaggio potrebbe essere apparso per un post che ha ricevuto meno reactions, commenti o condivisioni rispetto ad un altro: questo perché Facebook non prende questi valori in senso assoluto, ma li rapporta ad altri fattori (ad esempio al numero di persone che effettivamente hanno visualizzato il post).

Facebook ADS: ricordiamoci che è solo un suggerimento.

Ovviamente NON va seguito alla lettera il suggerimento che Facebook ci manda: va sempre “ponderato” e “ragionato”. Può capitare che il post più di successo sia un contenuto esterno a Facebook e/o non strategico per il l’azienda titolare della pagina: in quel caso, ho ringraziato Facebook per l’avviso (è comunque una preziosa informazione sul tipo di contenuti apprezzati dai fan), ma naturalmente non ho avviato la sponsorizzazione del post.

Un mio suggerimento per le Facebook ADS.

Quando si decide di far partire una campagna con l’obiettivo “Metti in evidenza i tuoi post” (Promoted Post” per chi ha scelto di usare Facebook in inglese) un buon suggerimento è di far passare un po’ tempo tra la pubblicazione del post e l’avvio della sponsorizzazione; in questo modo avremo un primo riscontro sulle interazioni che il contenuto pubblicato riceverà e un parametro in più (NON DOVRÀ MAI ESSERE IL SOLO) per stabilire quanti euro assegnare alla sponsorizzazione di quello specifico post.

NATURALMENTE: sono tanti i fattori che influenzano la riuscita di un’inserzione; in questo post volevo solo limitarmi a spiegare perché ogni tanto ci compare il suggerimento di Facebook e perché è alla fine dei conti un buon consiglio. Che però, ripeto, NON va preso alla lettera e seguito alla cieca.

Una curiosità che mi lascia perplesso.

a volte il suggerimento di sponsorizzazione mi capita anche su post che ho già sponsorizzato…mah!

Author: Davide Morante

Sono Davide Morante, social media manager di Parma (anche se al momento mi muovo spesso anche tra Pavia e Milano).
Mi occupo di comunicazione social per le aziende: elaboro strategie per la presenza sui social network (Facebook, ma anche Instagram, LinkedIn, Pinterest e Twitter) e li gestisco in prima persona.

Lascia un commento

Required fields are marked *.


Menù