Post Format

Instagram Stories Ads per pubblicizzarti nelle Stories di Instagram

Anche in Italia è arrivata la possibilità di indirizzare delle Facebook ADS all’interno delle Instagram Stories.

Le Instagram Stories sono quei contenuti (immagini e video) di Instagram che si “distruggono in 24 ore”: esattamente in stile Snapchat; quei cerchi che vedi in alto nell’app di Instagram 😉

Perché fare un’Instagram Stories Ads?

Innanzitutto perché Instagram è il secondo social network in Italia (e anche nel mondo).

In secondo luogo perché su 600.000.000 di persone che ogni mese usano Instagram, 150.000.000 milioni di persone usano le Instagram Stories ogni giorno.

In terzo luogo perché in stile YouTube sarai obbligato a vedere l’ads prima di vedere l’Instagram Stories di un utente.

Ci sono alcuni limiti, ma li vedremo dopo.

Come si crea un’Instagram Stories Ads?

Prima di tutto devi collegare il tuo account Instagram alla tua pagina. Lo puoi fare dal sia Business Manager, sia più semplicemente dalla tua pagina Facebook.

Questo perché è solo da Facebook (dal Power Editor o dal Gestore Inserzioni) che potrai creare un’Instagram Stories Ads.

La scelta dell’obiettivo

Al momento l’unico obiettivo “compatibile” con le Instagram Stories Ads è di tipo “copertura”;
ulteriore peculiarità è che non puoi scegliere come posizionamento il normale sia il feed di Instagram sia le Stories: O si sceglie il posizionamento Instagram Feed O si sceglie il posizionamento Instagram Stories.

.
Dovrai spuntare l’opzione “Modifica Posizionamenti” per scegliere di indirizzare un’ads in un Instagram Stories

I formati delle Instagram Stories Ads

Facebook ci impone solo due tipi di formato: una singola immagine e un video di al massimo 15 secondi e siccome le Stories si possono visualizzare solo da smartphone, sia l’immagine sia il video dovranno essere verticali: dovranno avere le dimensioni 1080 x 1920 pixel o comunque rispettare le proporzioni di 9:16.

Il video inoltre dovrà durare al massimo 15 secondi, “pesare” meno di 2.3 GB ed avere una risoluzione di almeno 720p. Interessante il fatto che si possono usare anche le GIF.

I limiti delle Instagram Stories Ads

Facebook ci raccomanda di non inserire testo nelle immagini oppure di inserirne pochissimo:
dovrai essere bravo a sviluppare un contenuto creativo “parlante” senza usare del testo; oppure sviluppare mini spot da 15 secondi.

Altro limite è costituito dall’impossibilità generare traffico verso una landing page: al massimo potrai generare “curiosità” verso il tuo account e sperare che l’utente decida quindi di seguirti (o clicchi sul sito web che hai inserito nella bio di Instagram… hai inserito il link nella tua bio, VERO???)

Aspettative

Sono tante: in primis è quella di poter inserire una landing page; un’altra è quella di poter mostrare, magari dopo una preview di 15 secondi, un video più lungo; un’altra ancora è quella di poter creare un pubblico personalizzato sulla base di chi ha visualizzato almeno in parte la tua Instagram Stories Ads.

Vedremo se Facebook deciderà di prendere una di queste strade oppure un’altra ancora: l’unica cosa certa che a Menlo Park raramente fanno passare troppo tempo senza introdurre novità.

AGGIORNAMENTO MAGGIO 2017: inserisci sito web

Adesso è possibile inserire un link per rimandare ad una landing page: dovrai selezionare l’opzione inserisci sito web subito dopo aver inserito l’immagine.
Potrai inoltre scegliere che tipo di call to action inserire. Al momento puoi scegliere tra:
Richiedi subito
Prenota ora
Contattaci
Scarica
Scopri di più
Acquista ora
Iscriviti
Guarda di più

Instabranding

Ho contribuito a Instabranding, l’ebook di Silvia Lanfranchi, la social media biondina, dedicato a piccole imprenditrici, consulenti e coach. ▼instabranding

Author: Davide Morante

Sono Davide Morante, social media manager di Parma (anche se al momento mi muovo spesso anche tra Pavia e Milano).
Mi occupo di comunicazione social per le aziende: elaboro strategie per la presenza sui social network (Facebook, ma anche Instagram, LinkedIn, Pinterest e Twitter) e li gestisco in prima persona.

Lascia un commento

Required fields are marked *.


Menù