Article
0 comment

Gestione Inserzioni Facebook: 10 buoni motivi per usarlo

gestione-inserzioni

Usare il pannello Gestione Inserzioni per promuovere un contenuto su Facebook, al posto del tasto “Metti in evidenza un post”, è stata una delle prime cose che ho imparato, anche perché quando ho iniziato a fare ads, era l’unico modo. Ovviamente è anche una delle cose che ripeto più e più volte durante i miei corsi sulle Facebook Ads.

Il pannello Gestione Inserzioni offre tante funzioni in più rispetto al tasto che trovi direttamente sulla pagina, e rende più efficaci ed efficienti le tue ads su Facebook, ossia ti permette di farti risparmiare soldi, tanto per essere più chiari.

Alcune sono funzioni effettivamente un po’ avanzate, che non tutti padroneggiano, utilizzano o che non sempre servono, altre invece sono abbastanza comuni e basilari.

Prendi da bere, scarica una playlist, imposta la modalità in “aereo” del telefono o del computer, mettiti comodo e scopri quali sono.

1. Creare più Gruppi di Inserzioni all’interno di una campagna

Creare diversi Gruppi di Inserzioni all’interno di una stessa campagna è utile per indirizzare l’ads verso pubblici diversi: banalmente potresti (in teoria dovresti) voler creare ads per un pubblico “freddo” (ossia un pubblico che non ci conosce) e ads per un “pubblico caldo” (ossia che ci conosce già).

Questo con Gestione Inserzioni è possibile, se fai partire ads dalla pagina invece no.

2. Creare più inserzioni all’interno di una campagna

Lo dice il nome: il pulsante “Metti in evidenza il post” è pensato per un singolo contenuto. Invece Facebook, attraverso Gestione Inserzioni, ti permette di creare fino a 6 creatività (testo più contenuto) diverse per mostrare poi quella che ottiene maggiori risultati.

3. Scelta dell’obiettivo

gestione-inserzioni

Come già detto in passato Facebook ti “offre” 11 diversi tipi di obiettivi in base a ciò che vuoi ottenere davvero; se vuoi che le persone compilino un form per ottenere le loro mail o il loro numero di telefono, devi scegliere l’obiettivo “Generazione di contatti”: Facebook mostrerà l’ads a persone che solitamente sono propense a compilare dei form.

Se vuoi invece che le persone scarichino un’app , devi scegliere l’obiettivo specifico in modo che Facebook possa mostrare l’inserzione a chi scarica le app più facilmente (io ad esempio ne ho pochissime sul cellulare).

Facendo partire la sponsorizzata dal singolo post, invece, l’obiettivo preimpostato è “Interazioni – Interazioni col post” e otterrai like, cuori oppure commenti e condivisioni… ma è davvero quello che vuoi ottenere?

4. A/B test

gestione-inserzioni-campagna

L’A/B test è un modo di operare molto diffuso in pubblicità: su Facebook consiste nel testare due diverse creatività, posizionamenti o target, duplicando l’inserzione in maniera guidata e facilitata (ne parlo nel dettaglio qui)… ma solo usando Gestione Inserzioni. Usando il pulsante “Metti in evidenza il post”, no.

5. L’opzione Testi Multipli

gestione-inserzioni-testi-multipli

Ne ho parlato in questo articolo recentemente: in sostanza è la possibilità di creare diverse inserzioni modificando solo i testi. Possibilità che non avrai se usi il tasto “Metti in evidenza il post”.

6. Ottimizzazione del budget della campagna

gestione-inserzioni-budget-campagna

Solitamente il budget di una Facebook Ads viene stabilito all’interno di un Gruppo di Inserzioni

Se imposti una Campagna con diversi Gruppi di Inserzioni, puoi stabilire il budget a livello generale e lasciare a Facebook il compito di gestirlo assegnando budget maggiore al Gruppo di Inserzioni che ottiene migliori risultati. Fico no?

Ecco, non puoi usare quest’opzione se usi il tasto “Metti in evidenza il post”.

7. Pieno controllo dei Posizionamenti

gestione-inserzioni-posizionamenti

I “Posizionamenti” sono i “luoghi” virtuali in cui la tua inserzione sarà visibile. Usando il tasto “Metti in evidenza il post” potrai fare delle scelte un po’ “grossolane”; con Gestione Inserzioni invece, avrai a disposizione opzioni molto più dettagliate.

8. Targetizzazione per dispositivo o sistema operativo

gestione-inserzioni-targetizzazione

Facebook ti dà la possibilità di targetizzare il pubblico anche in base al dispositivo o sistema operativo usati dalle persone: ai possessori di iPhone potremo far arrivare un tipo di messaggio, ai possessori di Huawei un secondo tipo di messaggio e così via.

Se sei un ristorante, un negozio di vestiti o una casa editrice forse non ti sarà molto utile farlo, ma se invece sviluppi app e programmi, vendi o produci telefoni o accessori, potrebbe essere interessante sfruttare questo parametro.

Ovviamente potrai farlo soltanto se usi Gestione Inserzioni.

9. Programmazione delle inserzioni durante i giorni della settimana

gestione-inserzioni-programmazione-inserzioni

Oltre alla data, all’ora di inizio, alla data e ora di fine di un Gruppo di Inserzioni, se imposti un budget totale, puoi anche dire a Facebook in che orari del giorno e della notte far vedere le tue ads. 

È un’impostazione che sfrutto quando voglio che il target compia una determinata azione per cui immagino sia richiesto un determinato livello di attenzione: la compilazione di un form, la lettura di un articolo complesso o l’acquisto di un corso, richiedono concentrazioni diverse rispetto a ottenere reaction e commenti o a compiere un acquisto d’impulso… ecco perché evito di mostrarle di notte.

10. Aggiungere in maniera dinamica i parametri UTM

gestione-inserzioni-parametri-utm

I parametri UTM servono per tracciare in maniera precisa le origini delle visite ad una pagina/sito web. 

Con Facebook li puoi inserire in maniera dinamica in base al nome della campagna, dei gruppi di inserzioni o delle singole inserzioni per comprendere quale creatività/target/posizionamento/programmazione ti ha portato maggiori visitatori e cosa hanno fatto una volta atterrati sul sito.

Avrai quest’opzione solo se usi il pannello Gestione Inserzioni.

Conclusioni

Come ti ho detto prima, queste sono solo le 10 funzioni più comuni che puoi fare solo con  Gestione Inserzioni: ti assicuro che ce ne sono altrettante, anzi almeno altre 13.

Comprendo che usare il tasto “Metti in evidenza il post” è facile, semplice, comodo… ma spero di averti convinto che non è affatto la scelta ottimale.

Basta dedicare qualche minuto in più alla tua ads e avrai risultati migliori. 

Fidati… prova e fammi sapere.

Ps: l’importante è non fare come quel pizzaiolo di Bologna 😛

Posted by

Sono Davide Morante, social media manager. Mi occupo di comunicazione social per le aziende e associazioni: elaboro strategie per la presenza sui social e ne supervisiono la gestione.

Lascia un commento

Required fields are marked *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.